cappella   Cappella
Seconda Palazzina già Dalla Valle
Piano terra

L’ambiente è stato riadattato a cappella in tempi tutto sommato recenti, ma nonostante ciò questo è uno dei locali più suggestivi di tutto il palazzo. Il soffitto, voltato, è completamente bianco, così come le pareti. Per quanto riguarda gli arredi, appena entrati nella cappella, a sinistra, si trova una copia fatta dalla marchesa della Madonna del latte già attribuita a Bernardino Luini e collocata nella Sala dei Dipinti Sacri. L’altare, composto da diversi marmi, è del Seicento. Al di sopra è una Adorazione dei pastori di ambito veneto-cremonese del Cinquecento. Nell’ambiente sono anche due teche con abiti liturgici. Sono inoltre presenti una tela cinquecentesca raffigurante Ester e Assuero e, in una nicchia della parete occidentale, una statua settecentesca raffigurante la Madonna incoronata d’Arco proveniente dall’edificio prospiciente il palazzo, un tempo proprietà d’Arco, e qui collocata nel 1982. Accanto è l’accesso alla “sagrestia”. Alla destra della porta è una tela raffigurante San Francesco di Paola probabilmente appartenuta alla famiglia Chieppio. Sono infine presenti alcuni paliotti d’altare in cuoio.