pallade   Sala di Pallade
Palazzo d’Arco
Piano primo

Prende il nome dalla figura della Sapienza collocata nel tondo centrale del magnifico soffitto a lacunari. Accanto a lei, nei quattro angoli, sono quattro effigi di letterati del passato: Socrate (simbolo della filosofia greca), Omero (della poesia greca), Virgilio (della poesia latina) e Ariosto (della poesia italiana). Negli altri lacunari sono volti umani carichi di frutta e primizie.
Il soffitto è assegnato ai pennelli di Giuseppe Crévola e Giambattista Marconi ed è assai simile (insieme a quello della stanza seguente) a quelli delle stanze con gli arazzi raffaelleschi in Palazzo Ducale, coevi e sempre dovuti all’Accademia Mantovana. Al soffitto infine è appeso uno splendido lampadario di Murano del XIX secolo, a otto fiamme. L’ambiente era lo studio del conte Antonio d’Arco. Ora la sala raccoglie parte della quadreria, con particolare attenzione ai ritratti, risalenti prevalentemente tra il Cinquecento ed il Settecento. Tra i dipinti ricordiamo quelli di interesse mantovano, tra cui lo splendido Ritratto del duca Vincenzo I Gonzaga (il duca indossa l’armatura con il “sic”, regge il bastone del comando e sotto la gorgiera ostenta il toson d’oro del quale era stato insignito da Filippo II nel 1588); il Ritratto di Baldesar Castiglione (copia antica dell’originale di Raffaello ora al Louvre) e il Ritratto del conte Annibale Chieppio. E ancora: un Uomo con berretto e tavolozza, di fiammingo, un Ritratto di papa Benedetto XIII, il Ritratto di Alessandro Zoni (opera firmata e datata 1640 dal pittore fiammingo seicentesco Jacob Denys), lo splendido Ritratto di gentiluomo (di Luigi Miradori detto il Genovesino) e il Ritratto di Margherita d’Austria regina di Spagna, opera di artista spagnolo. Al centro della sala è un tavolino con piano in scagliola. Su questo è una Scena di bagnanti con rovine, opera di scuola veneta del XVIII secolo. Il pavimento è in parquet (come, del resto, in tutto l’appartamento) e presenta, al centro, un tappeto persiano Melayer ottocentesco.